Archive for giugno, 2011

Dallas, una storica prima volta. Vince a Miami: è campione Nba

I texani conquistano il titolo andando a vincere gara-6 in Florida: James fallisce ancora, Wade è menomato, Terry ispira il 105-95 dell’AA Arena. Nowitzki è l’mvp delle finali

Nowitzki alza il trofeo: Mavericks campioni Nba. Ansa
Nowitzki alza il trofeo: Mavericks campioni Nba

Dirk Nowitzki imbocca di corsa il tunnel degli spogliatoi. E’ appena suonata la sirena che ha sancito il trionfo dei Dallas Mavs (95-105) in gara-6 e che ha regalato ai texani il primo titolo Nba della loro storia. Forse l’emozione per il trionfo è troppa. E’ lui l’mvp delle finali 2011, meritato, almeno quanto se lo avesse vinto Terry, 27 punti nel match decisivo, una partita girata dai Mavs con un break di 29-8 a cavallo di primo e secondo quarto. Il tedesco ha chiuso con la peggior partita della serie (21 punti e 11 rimbalzi ma 9/27 al tiro) ma ha saputo segnare i canestri della sicurezza nel finale. Ancora sconcertante la prova di LeBron: 9 punti nei primi 4’12”, 12 nel resto della gara, giocata quasi da spettatore non pagante, vagando per il campo, senza personalità. Wade (17 con 6/16) era evidentemente sì e no al 50% con i problemi a un’anca che lo hanno frenato. Stava al Prescelto fare la differenza. E ancora una volta ha toppato. Queste finali verrano ricordate soprattutto per il fallimento di LBJ.

Cuban e la panchina di Dallas in festa. Ap
Cuban e la panchina di Dallas in festa

PRIMO QUARTO — Ci sono molti tifosi di Dallas sugli spalti. Dopo averlo negato nella conferenza stampa prepartita, Spoelstra parte con Chalmers al posto di Bibby. Che apre con due “airball”. LeBron mette in opera i buoni propositi: aggredisce il canestro ma è una tripla allo scadere dei 24” a sbloccarlo. Mette altri due tiri da fuori e Miami è sopra 14-10 dopo 4’30” con 9 punti del Prescelto, faticando però a contenere le penetrazioni di Barea (4 punti e 1 assist). Gli Heat allungano con 6 punti di Bosh (20-11), con Nowitzki che anticipa di qualche secondo l’abituale riposo commettendo il 2° fallo. Ma un 5-0 tutto di Terry, con Dallas passata a zona, riporta i Mavs a -2 (22-20 a -4’10”), gran bel segnale visto che i padroni di casa avevano segnato in 10 dei primi 12 possessi. Spoelstra farebbe bene a ripassare l’attacco alla zona, perché i 4’ finali del quarto sono imbarazzanti dal punto di vista offensivo per Miami, che continua a sparacchiare da tre senza prenderci, mentre dall’altra parte Cardinal (tripla), Terry (9 punti nel quarto) e Stevenson (tripla) lanciano i texani sul +8. Solo il trepunti di House a 3” dalla sirena permette a Miami di chiudere sotto di 5 (27-32) con Dallas che tira col 65% dal campo. Wade (4 con 2/5) è chiaramente frenato dall’anca, molto meno esplosivo rispetto al solito.

Nowitzki e Kidd premiati a fine gara. Reuters
Nowitzki e Kidd premiati a fine gara

SECONDO QUARTO — Anche gli Heat provano la zona, con scarsi risultati. Altre due triple, entrambe di Stevenson, unite ai pasticci in attacco degli Heat (6 perse) fanno volare i Mavs a +12 (28-40 dopo 2’18”), con un break che ora diventa di 29-8 (con Nowitzki che ha 2 soli punti…). Sull’orlo del precipizio, gli Heat trovano la forza di reagire e piazzano un 7-0 uscendo dal timeout (altra tripla di House), tornando a -5 (35-40). Ora i Mavs faticano e il parziale di Miami diventa di 14-0 con un’altra tripla di House per il sorpasso 42-40 a -6’25”, il tutto con James in panchina. Partita decisamente schizofrenica, con rissa sfiorata durante il timeout, Haslem e Chalmers da una parte, Chandler e Stevenson (strano…) dall’altra. Ne escono 3 tecnici (due contro Miami, uno contro Dallas). Gli Heat attaccano il canestro ma in difesa House è un disastro e Terry ne approfitta con 5 punti in fila per riportare sopra i Mavs (49-51 a -2’23”). Al riposo è 51-53, con Dirk che ha 3 punti con 1/12(!), mentre Terry ne ha 17 con 8/10. LeBron, uscito dalla partita dopo il buon inizio per i 7’ passati in panca, ne ha 11, Wade 9 con 6 rimbalzi e 6 assist. I Mavs tirano col 49% ma 7/14 dall’arco, gli Heat col 50 ma 4/11 da 3. Pesantissimo il 17-4 Dallas nei punti da palle perse dagli avversari.

TERZO QUARTO — Il tedesco apre subito con 4 punti e i texani vanno a +7 (56-63) con Miami (soprattutto LeBron) ancora confusionaria e indecisa in attacco. I padroni di casa restano aggrappati alla gara con le unghie ma Dallas pare in totale controllo (65-72 a -3’06”) con King James inspiegabilmente a zero tiri (e punti) nel quarto. A -1’28” il Prescelto trova il primo canestro e poco dopo i primi liberi (15/26 per gli Heat sin qui) della sua enigmatica gara. Ma una tripla di Kidd e un jumper di Mahinmi sulla sirena danno ai Mavs il +9 (72-81) all’ultimo intervallo.

James e Wade grandi delusi. Afp
James e Wade grandi delusi

QUARTO PERIODO — Miami risale a -4 con LeBron a rifiatare in panca, ma Barea replica dall’arco e Dallas è nuovamente a + 8 (77-85 a -9’30”), nonostante Nowitzki sia a 4/20. Terry e ancora il portoricano siglano il +12 che sa di titoli di coda a 8’ dalla fine con i cori “Let’s go Mavs” dei tifosi texani che riecheggiano nell’AA Arena. Un paio di canestri di James ridanno speranza a Miami (87-94 a -5’32”) con Chalmers che si mangia il contropiede del -5. Arriva il momento del tedesco: due tiri da fuori e i tifosi (?) di Miami prendono prematuramente la via di casa. Mancano 2’29” e siamo 99-89. Ormai è solo questione di far scorrere il cronometro. Che sancisce il trionfo, strameritato, di Dallas.

tratto da gazzetta.it

Annunci

Leave a comment »

Ettore Messina ha detto sì. Entrerà nello staff dei Lakers

Il tecnico italiano sarà “consulente” del nuovo head coach del club di Los Angeles, Mike Brown. Manca solo l’ufficialità

Manca ancora l’ufficialità ma è questione di ore. Ettore Messina farà parte dello staff dei Los Angeles Lakers a partire dalla stagione NBA 2011/2012. Fonti vicine all’allenatore italiano confermano che mancherebbe solo la firma, con l’incarico di “consultant to the head coach”: l’accordo è stato raggiunto ieri. Un ruolo di prestigio, come il pedigree e l’importanza del nome lasciavano presagire. Si conclude, quindi, nel modo più felice e in maniera repentina il tanto atteso sbarco in Nba del coach già sulla panchina azzurra.

Ettore Messina sceglie l'esperienza americana.
Ettore Messina sceglie l’esperienza americana

lusinghe — Il nome di Messina non è nuovo al pubblico americano, perché già accostato a varie franchigie Nba (Toronto, New Jersey) negli scorsi anni, mai però le offerte si erano concretizzate. Negli ultimi giorni la svolta, susseguente all’inaspettata firma di Mike Brown come nuovo allenatore dei Lakers: a Brown Messina è legato da profonda conoscenza. Il rapporto fra i due è solido e basato sulla stima reciproca tanto che nelle passate stagioni il neo coach dei Lakers, allora alla guida dei Cleveland Cavaliers di Lebron James, era solito raggiungere in estate il coach italiano per due o tre settimane in ritiro, per un interscambio professionale.

curriculum d’eccellenza — La condizione attuale di Ettore Messina, libero da ogni vincolo contrattuale dopo l’esperienza con il Real Madrid, e la naturale ambizione di tentare l’avventura entusiasmante tra i pro lo hanno fatto un obiettivo naturale per tante squadre americane. I San Antonio Spurs, lo scorso aprile, lo avevano invitato a trascorrere una settimana nel Texas, mentre recentemente anche Dallas ed Indiana sembravano interessate. La chiamata di Brown, che lo ha voluto fortemente al suo fianco, non è tardata. La possibilità di far parte di una delle squadre più prestigiose di sempre, il confronto con una nuova realtà e lo stimolo di allenare grandi campioni come Kobe Bryant, Paul Gasol e Ron Artest hanno convinto Ettore Messina ad accettare la proposta. Per l’ex coach di Virtus e Benetton, dopo 4 Eurolega vinte ( 2 con Bologna, 2 con CSKA Mosca), 1 coppa Saporta, 4 scudetti italiani, 7 coppa italia, 4 campionati russi, 2 coppa di lega russa, e un argento con la Nazionale Italiana agli europei, è l’inizio una nuova avventura ambiziosa.

tratto da gazzetta.it

Leave a comment »

Walsh lascia la presidenza dei Knicks

Donnie Walsh non sarà il presidente dei Knicks la prossima stagione, ma solo consulente della franchigia della Grande Mela.

Di seguito il comunicato ufficiale della franchigia newyorchese.
“Dopo una serie di colloqui sul suo futuro ruolo  a New York, i Knicks e Donnie Walsh hanno raggiunto un accordo sul fatto che Donnie non sarà più il presidente della franchigia ma opererà da consulente per la stagione 2011-12- In poco tempo con i Knicks, Donnie Walsh ha avuto un grande impatto che durerà per molti anni ancora. Ringraziamo Donnie per le sue qualità. Non cercheremo un nuovo presidente o GM. Al momento Glen Grunwald, vice presidente dei Knicks, sarà GM ad interim. Siamo sicuri del futuro radioso dei Knicks negli anni a venire”.

Leave a comment »

I Lakers ritireranno la maglia di Shaq

I Los Angeles Lakers hanno deciso di ritirare la maglia di Shaquille O’Neal, la numero 34. “Non c’è ancora una data certa ma sicuramente lo faremo” ha detto John Black, portavoce della franchigia.

Leave a comment »

T-Wolves-Rubio: accordo

Dopo un lungo tira e molla, Ricky Rubio ha deciso di sbarcare in NBA e di farlo con la maglia dei Minnesota Timberwolves. Il giovane spagnolo ha infatti firmato il contratto con la franchigia entro i termini previsti (31 maggio) e secondo l’accordo collettivo ancora in vigore.

Rubio è stato scelto da Minnesota al draft del 2009 con la scelta numero 5. L’accordo non verrà ufficializzato finché Rubio non terminerà la stagione in Spagna.

Leave a comment »

Raptors, Jay Triano non sarà il coach della squadra

I Toronto Raptors hanno fatto sapere di aver esercitato la clausola presente nel contratto di Jay Triano che rimarrà in Canada ma non nel ruolo di capo allenatore.
Triano diventerà “consulente ed assistente speciale del presidente e del general manager”.

Leave a comment »

Milano troppo imprecisa. Cantù è già al match point

La Bennet supera l’Armani Jeans 70-64 e si porta sul 2-0 nella semifinale scudetto, mantenendo inviolato il Pianella. Ora la serie si sposta a Milano

Hawkins attacca Micov in penetrazione. Ciam/Cast
Hawkins attacca Micov in penetrazione

Cantù va 2-0, batte Milano 70-64 in gara-2 della semifinale scudetto dopo una sfida controllata per tre quarti ma poi rimessa in discussione dalla grande difesa di Milano, che concede 12 punti nell’ultimo quarto (e 25 nella ripresa) agli avversari. Alla fine, quando Lynn Greer riporta la AJ dal -15 del 26’ al -3 (64-61) e Cantù non riesce più a segnare, la differenza la fa la lunetta: 11/13 Cantù nella ripresa, 10/21 Milano con un sanguinoso 2/9 di Rocca.

CON ORTNER — Trinchieri lascia Tabù in tribuna per Ortner, un piccolo per un lungo. Milano cambia le marcature rispetto a gara-1, usa Jaaber su Mazzarino, Hawkins su Green e Karl su Micov. Da questa miscela di decisioni nate a tavolino, nasce un primo quarto equilibrato (22-19) dove le 6 palle recuperate di Milano, molto attiva con Mancinelli (4 recuperi), compensano l’1/8 da tre permettendo 5 tiri in più rispetto alla Bennet. Senza Tabu, arriva il momento di utilizzare Micov anche come regista, situazione alla quale Milano si adegua con un quintettone con Mancio ala piccola. Sbagliato, perché così va a marcare proprio Micov che riesce a portar palla contro un pari ruolo. Palla che gira come un flipper e trova due volte Leunen perso da Pecherov oltre la linea da tre punti nel primo vero allungo canturino (39-27). La Bennet tocca anche +14 in un primo tempo segnato dall’1/10 da tre della AJ, con un Greer produttivo (8 punti nel 2° quarto) e niente più. Mazzarino a Leunen vanno al riposo con un 6/8 complessivo nelle triple, altra musica.

ALLUNGO E RECUPERO — Milano va con due play nella ripresa, soprattutto coinvolge Eze in attacco. Ma due svarioni difensivi vengono puniti mirabilmente da Micov, e Cantù tiene, anzi allunga con un gioco da tre punti di Scekic (53-38). I lunghi della Bennet sono carichi di falli, dimostrando che Trinchieri ha fatto bene a portarne uno in più anche se poi va in affanno sul pressing milanese. Rocca produce solo 2 punti da 6 viaggi in lunetta, Mian impreziosisce con una tripla i minuti di riposo dati a Mazzarino, e Cantù si trova ancora a +9 al 30’, dopo un terzo quarto in cui per la prima volta perde un po’ il controllo della situazione e non segna più con continuità. Greer guida l’AJ a modo suo, ma crea movimento che la difesa di Cantù stavolta non è pronta a neutralizzare. Peterson protesta forte con gli arbitri, per la prima volta da quando è rientrato.

BRUTTI ATTACCHI — Mancinelli riporta Milano a -5 (60-55 a 6’12″ dalla fine) ma mentre la difesa funziona benissimo (Jaaber annulla Mazzarino, un solo tiro, sbagliato, nella ripresa, Mancinelli Leunen), gli attacchi che possono mettere la Bennet con le spalle al muro sono giocati male. La differenza rispetto ad altre occasioni è che Milano sopravvive ai suoi errori senza mollare mai. Cantù spara dei tiracci al 24″ senza aver costruito nulla, dal 32’ segna solo dalla lunetta. Ma sull’ultima azione del possibile aggancio (-40″, 66-61) Hawkins spara una tripla che non prende neanche il ferro. Poi la processione in lunetta mette Cantù con un piede in finale. Ma la reazione difensiva di Milano dà all’AJ una speranza per le gare casalinghe.

Cantù: Mazzarino 13, Leunen 12, Micov, Scekic 11.
Milano: Greer 15, Rocca 12, Eze 8.

tratto da gazzetta.it

Leave a comment »