Posts tagged Simone Pianigiani

Eurobasket 2013, Cusin pronto per la causa azzurra

cusin marco nazionale 2013.

Non è nata sotto la stella più fortunata l’avventura della Nazionale in vista degli Europei di Basket che si disputeranno dal 4 settembre in Slovenia. Dopo l’infortunio a Gallinari e Hackett, è recente la rinuncia di Bargnani causa polmonite, nonché una distorsione per Datome, che però ci sarà per l’esordio. Certamente gli azzurri, rispetto  a qualche mese fa, devono ridimensionare le proprie aspettative, senza però continuare a lavorare duro per tentare l’impresa. Ora la truppa di coach Pianigiani è in Grecia per le ultime amichevoli prima di tornare a Trieste ed infine sbarcare a Capodistria. È tempo di parlare col “nostro” Marco Cusin, che nelle partite pre-europeo sta contribuendo alla causa con 6.8 punti (70.5% da duee  77% liberi) e 4.6 rimbalzi in 15 minuti di media giocati.

Marco, diciamo che questa spedizione non è delle più fortunate. La sfortuna ci ha penalizzato e non poco colpendoci con numerosi infortuni e perdite illustri. L’ultima, di Andrea, non ci voleva, lui è insostituibile per la fisicità e le qualità tecniche.

Cosa cambia per voi l’assenza di Bargnani? Mancando un elemento fondamentale come lui dovremo tutti dare qualcosa in più, molti saranno chiamati a fare degli straordinari, dovremo sopperire le mancanze con il gioco di squadra, come abbiamo fatto l’anno scorso.

Com’è l’umore a pochi giorni dall’inizio? (esordio il 4 vs Russia) L’umore è comunque alto, non vediamo l’ora di iniziare, siamo molto carichi. Con lo staff in questi mesi abbiamo lavorato duro e molto bene e i risultati si sono visti soprattutto nelle ultime partite nonostante qualche sconfitta di troppo. Non ci piangiamo addosso nonostante le difficoltà ma anzi daremo più del 100% in campo.

Tu come stai? Facendo gli scongiuri fisicamente sto bene, le prime settimane sono state di lavoro intenso ed ero stanco ma ora la preparazione viene fuori, inoltre ho ripreso la fiducia nel gioco che avevo perso nell’ultimo periodo a Cantù.

Quale sarà la chiave per avere successo in Slovenia? Vista la poca fisicità sotto canestro dovremo correre molto e mettere molta pressione in difesa e limitare il numero delle palle perse. Dovremo essere umili e lottare in ogni partita per passare i girone, come ci ha detto coach Pianigiani. Non dobbiamo farci illusioni ma comunque dobbiamo essere consapevoli delle nostre qualità.

 

Alessandro Mecchia

tratto da “Il Popolo” del 01/09/2013

Leave a comment »

12° Puntata de L’Angolo di ALE & PASQUI

Immagine

In questa 12^ puntata speciale MERCATO e NAZIONALE!

Parleremo dei primi colpi di Mercato della Serie A e sui Rumors analizzandone i più importanti.

Poi, dal minuto 18′ prima riflessione sulla Nazionale, i giocatori convocati per le visite mediche e i possibili scenari su probabili tagli futuri e scelte di Pianigiani.

Clicca qui per la puntata su Youtube

Clicca qui per il download

Leave a comment »

Danilo Gallinari conferma la sua presenza con l’Italia

Danilo Gallinari, nel corso di una intervista rilasciata sul Denver Post, ha confermato che in estate vestirà la maglia della nazionale italiana che disputerà Eurobasket 2011 in Lituania. Una ottima notizia per Simone Pianigiani che dovrebbe avere la disponibilità anche di Andrea Bargnani e Marco Belinelli.

Aumentano così le chance per gli Azzurri di raggiungere un risultato positivo che da troppi anni manca. Queste le parole di Danilo Gallinari, passato negli ultimi giorni di trade NBA da New York a Denver. “In estate giocherò sicuramente con la maglia della nazionale” ha detto il Gallo alla domanda di un tifoso, continuando che si concentrerà anche sul gioco in post-up, aspetto da migliorare.

Leave a comment »

All Star Game: i convocati della Nazionale

“L’All Star Game è una festa della nostra pallacanestro, a cui volentieri partecipiamo, ma è anche un’occasione importante per la Nazionale -afferma Simone Pianigiani, capo allenatore della Nazionale- Sarà una partita vera per tutti i giocatori convocati. Per l’All Star rimarammo a casa i trentenni, che già conoscono bene l’ambiente e che comunque saranno utili questa estate, gli infortunati e necessariamente i tre NBA.
“Partecipiamo all’All Star Game con giocatori che si sono messi in luce in campionato e nelle Nazionali giovanili e che hanno tutte le caratteristiche per essere di interesse nazionale e sentirsi parte del gruppo allargato nel nuovo ciclo della Nazionale iniziato lo scorso anno. In questo senso, Marco Mordente come capitano, unico over trenta convocato, ha il compito di spiegare ai nuovi arrivati il nostro spirito. Abbiamo degli esordi in prima squadra, ma anche dei ritorni in Nazionale. E’, comunque, il momento di inserire nuovi giocatori nel nostro gruppo, farli sentire partecipi dei nostri progetti, pensando non solo a questa partita o alla prossima estate, ma anche al futuro della Nazionale.”

Questi gli atleti convocati per l’All Star Game 2011 che si giocherà a Milano (Mediolanum Forum Assago) il 13 marzo 2011.

1. Aradori Pietro
2. Antonutti Michele
3. Cavaliero Daniele
4. Cinciarini Andrea
5. Crosariol Andrea
6. Cusin Marco
7. D’Ercole Lorenzo
8. Datome Luigi
9. Gentile Alessandro
10. Hackett Daniel
11. Mancinelli Stefano
12. Melli Nicolo’
13. Moraschini Riccardo
14. Mordente Marco
15. Poeta Giuseppe
16. Renzi Andrea
17. Viggiano Jeffrey

Lo staff
Capo Area Preparazione Olimpica e Alto Livello: Claudio Silvestri
Team Manager: Riccardo Pittis
Allenatore: Simone Pianigiani
Assistenti : Luca Dalmonte, Andrea Capobianco
Video Analista: Raffaele Imbrogno
Preparatore Fisico: Matteo Panichi
Medici: Sandro Senzameno, Roberto Ciardo
Medici Ortopedici: Andrea Billi, Raffaele Cortina
Massofisioterapisti: Francesco Ciallella, Giovanni Paravati, Roberto Oggioni
Funzionario FIP: Massimo Valle
Ufficio Stampa: Mimmo Cacciuni 335 7743460, Francesco D’Aniello
Addetto ai materiali: Curzio Garofoli

Comments (1) »

Qualificazioni Eurobasket 2011. Italia-Montenegro 72-71

Super Mago non basta, Europeo solo ai ripescaggi

Tony Maestranzi al tiro

L’Italia batte il Montenegro 72-71, non riuscendo però a ribaltare la differenza canestri nei confronti della formazione balcanica, vittoriosa all’andata per 71-62. Bargnani chiude con 34 punti, nuovo career high in azzurro e Belinelli gioca con la febbre. Partita di sacrificio e di fisico per tutti, con apporti di sostanza e qualità da giocatori sempre preziosi. L’ennesima convincente prova di squadra di una Nazionale che anche stasera ha fatto un piccolo grande passo in avanti.

“Abbiamo disputato una partita di alto livello – commenta a caldo Simone Pianigiani, capo allenatore della Nazionale – contro una squadra con grande capacità di lettura tattica. Aver visto i miei giocatori fare questo tipo di partita tattica contro un avversario così ben allenato è motivo di grande orgoglio. Oggi poi Belinelli non stava bene, aveva la febbre ma tutti hanno fatto un lavoro importante. Dopo la gara in Montenegro abbiamo disputato un altro match alla pari. Siamo dispiaciuti di non essere all’Europeo ma stasera posso solo fare tanti ringraziamenti: ai giocatori, che si sono impegnati lavorando duramente per tutti questi mesi e per la disponibilità mostrata. Il 5 agosto dopo la gara contro la Lettonia eravamo fuori dai ripescaggi e i ragazzi sono stati criticati ma hanno lavorato duro per recuperare. Allo staff per i ritmi di lavoro tenuti, difficili da affrontare d’estate. A Mordente, capitano e punto di riferimento per tutto il periodo trascorso assieme. Al pubblico di Bari, alla Federazione Italiana Pallacanestro, a Dino Meneghin e naturalmente al Coni e al presidente Petrucci. Con questi presupposti l’Italia ha un futuro. Ha un’anima e tanti giocatori giovani che possono stare insieme a lungo in un clima positivo. Penso all’età di Bargnani, Belinelli, Gigli, Aradori, Maestranzi e tutti gli altri che formano questo gruppo che ha fatto un lavoro straordinario. Quattro vittorie di fila, 5 nelle ultime 6 disputate e una gara persa in Montenegro per episodi discutibili sono per noi un punto di partenza. Andare all’Europeo era un nostro obiettivo, ma tra gli obiettivi c’era anche finire con fiducia e con la sensazione che questa squadra ha voglia di salire ancora e migliorare ancora. La Nazionale ha mostrato che i ragazzi hanno desiderio e faccia giusta. Chi li ha visti ha visto un bello spot per il nostro movimento. Grazie a Bari e al suo pubblico meraviglioso. Spero di tornare presto a fare pallacanestro qui perché questa è una piazza straordinaria”.

tratto da Fip.it

Comments (1) »

Qualificazione Eurobasket 2011. Finlandia-Italia 83-85

leggi il commento su gazzetta.it

Finlandia-Italia 83-85 (18-19, 12-29, 29-17, 24-20)

Finlandia: Koivisto, Nikkila (0/2), Muurinen 1 (0/4), Huff 16 (2/5, 3/5), Lee 10 (3/8), Kotti 13 (6/8), Iisalo (0/1), Virtanen, Rannikko 22 (2/4, 3/8), Kanervo 3 (0/2, 1/3), Makalainen 2 (1/2), Salin 16 (1/4, 4/7). Coach: Dettmann
Italia: Giachetti 7 (1/3, 1/1), Mancinelli 6 (3/6), Bargnani 24 (3/11, 3/5), Mordente 7 (0/1, 1/4), Crosariol 2 (1/1), Ress 4 (0/1, 0/1), Gigli (0/2, 0/1), Vitali ne, Aradori, Belinelli 23 (4/11, 2/4), Maestranzi 5 (0/3, 1/1), Carraretto 7 (1/2, 1/3). Coach: Pianigiani

Note: Tiri da due Fin 15/40, Ita 13/41; tiri da tre Fin 11/23, Ita 9/20; tiri liberi Fin 20/30, Ita 32/37. Rimbalzi Fin 43, Ita 38 (7 Bargnani e Belinelli). Assist Fin 11 (6 Rannikko), Ita 10. 5 falli: Kotti, Makalainen (Fin), Mordente (Ita).

Sul filo di lana, dopo aver guidato nel secondo quarto di 18 punti, con grinta e determinazione, l’Italia vince in Finlandia di due punti (83-85).
Una vittoria voluta a tutti i costi, anche se il tiro non va bene, fuori casa, con arbitraggi non da qualificaizioni europee, a testimonianza che questa squadra ha imparato a fare risultato, sfruttando ogni occasione, non demordendo mai con Bargnani, Belinelli protagonisti, accompagnati ancora una volta dalla caparbietà di Giachetti, Mancinelli, e dall’esperienza di Mordente, Carraretto e Ress. Con questa vittoria l’Italia è matematicamente fuori dalla zona retrocessione, e spera in un passo falso di Israele per la qualificazione diretta, altrimenti tutto è rimandato all’ultimo posto disponibile con l’Additional Qualifying Round, il ripescaggio, dell’anno prossimo.

“Sono contento di questa vittoria -afferma a fine gara Simone Pianigiani, capo allenatore azzurro- sono contento perché vinciamo la terza partita consecutiva, la seconda fuori casa, vinciamo con il primo tempo dove abbiamo mostrato tutti i nostri progressi e un secondo dove è emerso tutto quello che non abbiamo e che dobbiamo diventare. Abbiamo bisogno di partite come queste per imparare a tenere il vantaggio, quando giochi fuori casa. Abbiamo vinto una gara importante contro una squadra che ha battuto Israele. Il Montenegro? Beh, è la prossima gara. E’ un avversario più forte e improbabile per noi. Ma giochiamo in casa e vogliamo chiudere bene.”

L’Italia è protagonista nel secondo quarto, dopo un primo tempo ad inseguire, con 5/14 al tiro, una partenza lenta (12-6 al 6′), ma mantenendo intatta la concentrazione sia in attacco, ma soprattutto in difesa dove la Finlandia si infrange dall’ultimo minuto del primo quarto dopo che Mancinelli firma il sorpasso (16-17 al 9′). La difesa azzurra è attenta, determinata, aggressiva e mette l’Italia in condizione spendere in attacco con i contropiedi di Belinelli, le triple di Mordente e di Giachetti. La Finlandia nei primi 5 minuti segna 1 punto, l’Italia 17 (18-36).
La Finlandia tenta la difesa a zona: è un attimo, solo un attimo di ossigeno perché l’Italia sbanda, è precipitosa, sbaglia quattro tiri aperti consecutivi (27-36), ma al rientro del Mago e con due triple di Carraretto e Maestranzi sul ribaltamento, l’Italia chiude il quarto con 18 punti di vantaggio.

Poi rallenta. La Finlandia spinta da Rannikko e il dicianovenne Sasu Salin gioca il tutto per tutto e diventa più aggressiva, spregiudicata, agonisticamente cattiva e si porta fino a quattro punti (53-57 al 27′). L’Italia si mantiene a galla con i tiri liberi (12/14 nel terzo quarto), l’attacco non porta i frutti sperati, la difesa permette comunque
all’Italia di tenere a distanza la Finlandia (59-65), mentre gli arbitri concedono tutto o quasi alla difesa finlandese.

Si procede a strappi. E’ una guerra di nervi e di botte, sottocanestro come a centro campo. La Finlandia con le triple e i liberi di Rannikko si avvicina e supera l’Italia(76-75 al 37′), il finale è in volata. Rannikko e Salin segnano da tre. Poi la zampata di Giachetti con due punti che ridanno speranza, la stoppata di Mancinelli su Lee (81-80) a 50″ che lancia Belinelli a canestro (81-82), e l’Italia riparte.

La difesa azzurra negli ultimi 16 secondi tutta insieme metta la museruola a Rannikko, con Giachetti che gli è attacco addosso e tutti gli azzurri in aiuto. E’ una difesa asfissiante, l’Italia recupera un palla fondamentale, Belinelli prende un fallo, va in lunetta, li mette dentro entrambi a 15″ (81-84). Sul ribaltamento fallo sistematico su Rannikko, che va in lunetta e segna i due liberi (83-84) a 13″. Il cronometro si sposta di poco. Fallo su Belinelli, uno dentro, uno fuori (83-85), la Finlandia ci prova, ma tutti e cinque gli azzurri impediscono il tiro prima a Rannikko, poi a Salin. Tempo scaduto, l’Italia ha vinto.

Leave a comment »

Finlandia-Italia. Pianigiani: “Una gara complessa”

Coach Pianigiani

L’unica certezza è che sarà una partita dura, senza nulla di scontato. Domani sera alle 20.00 (le 19.00 in Italia), la Nazionale maschile di basket gioca a Vantaa, a nord di Helsinki, la penultima gara del girone di qualificazione al Campionato Europeo 2011.

Una gara cruciale per entrambe le squadre: la Finlandia rischia l’esclusione matematica dall’Additional Qualification Round del prossimo anno e di dover giocare per non retrocedere in Division B, mentre l’Italia non ha alternative se vuole continuare ad inseguire il secondo posto, sperando in un passo falso di Israele, e consolidare la partecipazione al girone di rispescaggio della prossima estate.

“Su questo campo Israele ha perso – ricorda Simone Pianigiani, coach della Nazionale maschile di basket – sarà una partita complessa, difficile. In questi giorni abbiamo speso molto dal punto di vista nervoso per la nostra conoscenza: dobbiamo verificare la nostra continuità e durezza mentale in un’importante gara fuori casa dopo quella di Tel Aviv. Tutto ciò la di là delle tattiche di gioco, che comunque vanno fatte al meglio alla ricerca di un continuo miglioramente nei dettagli di gioco”.

L’Italia si è allenata oggi nel primo pomeriggio, domani seduta di tiro e poi la gara. Rispetto all’andata non giocherà Hanno Mottola che proprio nella gara dell’Italia a Bari si è infortunato, mentre dovrebbe esserci Teemu Rannikko che, assente nella gara contro la Lettonia, è rientrato contro il Montenegro.
“Sarà comunque una gara difficile e l’attenzione deve essere massima -conferma Andrea Capobianco, assistente allenatore- La Finlandia è una squadra che ha grande energia, si lanciano su ogni pallone, sono decisi a rimbalzo. E’ rientrato Rannikko che in Italia giocò benissimo, ma nessuno dei nostri avversari è da sottovalutare: sanno andare bene in attacco e giocano bene il pick and roll. Sarebbe un errore lasciarli correre in contropiede. Da parte nostra abbiamo lavorato tanto e mi sento di dire che stiamo lavorando bene -conclude Capobianco- i progressi di questa squadra nelle ultime gare ne sono una dimostrazione.”

tratto da fip.it

Leave a comment »