Posts tagged Lega Basket

SONDAGGIO: Chi vincerà lo scudetto 2013? Roma o Siena?

 

Annunci

Leave a comment »

4° puntata de L’Angolo di Ale & Pasqui

In questa puntata vi parleremo della quart’ultima giornata di campionato con riepilogo dei risultati, classifica, commenti alle singole partite, previsioni per il finale di stagione e primi verdetti della serie A.

Proseguiamo con la nuova formula per i Top & Flop con quintetto top & quintetto flop più sesto uomo.

Concludiamo la puntata con un’analisi sulle prime 2 sfide di Final Eight di Eurolega e pronostici in attesa di gara 3 e gara 4.

Nel dettaglio minuto per minuto:

  • Risultati Serie A dal secondo 30′

  • Classifica al minuto 28.20′

  • Prossimo Turno al minuto 29.40′

  • Quintetto Top & Quintetto Flop dal minuto 30.45′

  • Eurolega dal minuto 38.10′

Clicca qui per ascoltare il podcast

Clicca qui per il download

Leave a comment »

Scegli chi sfiderà la Nazionale. Il 13 marzo torna l’All Star Game

La partita delle stelle tra l’Italia di Pianigiani e i migliori stranieri guidati da Peterson, scelti da voi su internet, si giocherà al Forum di Assago. Il più votato al momento è il sassarese James White. Già in vendita i biglietti

Anche l’Italia ha il suo All Star Game. Di grande livello. Ok, non ci sarà Blake Griffin che schiaccia saltando sopra un’aautomobilr o Kobe Bryant che ne mette 37, ma l’evento che andrà in scena il 13 marzo al Mediolanum Forum di Milano è di quelli da non perdere per chi ama la palla a spicchi. L’Italia di Simone Pianigiani, senza i tre giocatori Nba, contro i migliori stranieri della serie A. A seguire gara del tiro da tre e delle schiacciate.

SCEGLI TU CHI GIOCA — E se le convocazioni azzurre saranno ovviamente a cura dell’allenatore della Montepaschi, le stelle straniere verranno selezionate direttamente da voi. Basta collegarsi al sito http://www.allstargame2011.it/home.php registrarsi ed esprimere la propria preferenza. Al momento i cinque giocatori più votati dimostrano la competenza degli appassionati. Guida la classifica James White, capocannoniere e soggetto che nella gara delle schiacciate Nba non sfigurerebbe, Alle sue spalle il solido Othello Hunter, che dopo un’esperienza in Nba con gli Atlanta Hawks sta disputando un’ottima annata in Sardegna. Chiude il podio un altro giocatore della Dinamo, Travis Diener, cugino di Drake, ex playmaker degli Indiana Pacers, dotato di un gran tiro. Quarto posto per la guardia Bo McCalebb, il giocatore cui sono affidate gran parte delle speranze senesi di successo, attualmente fermo ai box per infortunio. Tanto talento anche per il quinto in classifica, il casertano Jumaine Jones. Ma la graduatoria è nelle vostre mani: se il vostro giocatore preferito al momento è fuori, datevi da fare.

BIGLIETTI Sono già in vendita: anche in questo caso si fa tutto online. Cliccando su ticket.it o ticketone.it potete già assicurarvi un posto al Mediolanum Forum per quella che sarà una grandissima e spettacolare giornata di basket.

tratto da Gazzetta.it

Leave a comment »

Siena non conosce ostacoli. Roma si ritrova, bene Cantù

Nella diciassettesima giormata di serie A, la Montepaschi passa a Montegranaro ed è a +6 su Milano. La Lottomatica dopo la figuraccia in Eurolega spazza via la Scavolini Pesaro, i brianzoli passano a Cremona. Successi anche per Bologna, Avellino, Teramo e Sassari

Dopo la sconfitta di Mlano nell’anticipo del sabato sera, si è completata domenica la diciassettesima giornata di serie A. Siena passa a Montegranaro e allunga in classifica

Fabi Montegranaro-Montepaschi Siena 70-74

Stoppata in Eurolega dal Real Madrid, la Montepaschi in campionato prosegue nella propria marcia. Stavolta però i campioni d’Italia soffrono fino alla fine contro una Fabi determinata e aggressiva. Senza McCalebb, Lavrinovic e Aradori (influenzato), Siena parte subito forte Siena, con la Fabi che non riesce a trovare le giuste contromisure ai blocchi che liberano al tiro Kaukenas (suoi sei dei primi dieci punti messi a segno dalla Montepaschi) e al tempo stesso non trova fluidità nel gioco d’attacco. La tripla di Zisis al 5′ porta i biancoverdi sul +9. Al rientro da un time-out Antonutti (in campo al posto di Ray) risponde per l’11-17. E’ l’episodio che dà la scossa perché i gialloblù stringono le maglie in difesa, trovano in Ford il giusto terminale in attacco e scoprono la carta Canavesi. E’ l’ala italiana a segnare il pari (23-23) a inizio secondo quarto, quindi Maestranzi (recuperato dopo il recente infortunio) realizza dalla lunga distanza il sorpasso (26-23 al 13′). Nel finale di quarto Pianigiani gioca la carta Jaric accanto a Zisis. E sono proprio due tiri dai 6,75 del nuovo innesto a rompere l’equilibrio tra le due squadre che vanno al riposo sul 35-43. Al rientro dalla pausa lunga la Fabi accorcia con un 5-0 firmato da Cavaliero e Ford per il -3 al 24′. Ancora una volta è Kaukenas (immarcabile per la difesa della Fabi) e riportare la Montepachi a distanza di sicurezza. Nell’ultimo periodo Montegranaro tenta il tutto per tutto. Un mini parziale di 11-3 con tanto di tripla di Allan Ray riportano la Sutor sul -1 al 35′ (63-64). Siena barcolla ma non si disunisce, anzi ribatte colpo su colpo. In difesa si affida anche alla zona mandando in tilt l’attacco gialloblù che per due volte sbaglia l’azione del possibile pari. Si decide tutto negli ultimi venti secondi, ma Kaukenas e Moss non tremano dalla lunetta.

Montegranaro: Ford 24, Ray 10, Cavaliero 8.
Siena: Kaukenas 21, Zisis 11, Rakovic 11, Moss 10.

Foster al tiro dopo aver battuto Leunen. LaPresse
Foster al tiro dopo aver battuto Leunen

Vanoli-Cremona-Bennet Cantù 68-71

Trinchieri si conferma tabù di Cremona, 8 su 8 contro la sua ex squadra: la Bennet passa al PalaRadi dopo 40’ sul filo dell’equilibrio e acuisce la crisi della Vanoli, alla quinta sconfitta in fila, l’ottava nelle ultime nove. Lo fa con la difesa, capace di togliere tanto ritmo, dopo il primo quarto, ad una Cremona che, con Drozdov impalpabile, ha finito con scelte offensive sempre peggiori, culminate nel 39% dal campo degli ultimi 10’. Mentre Cantù ritrovava i suoi protagonisti: Mazzarino, 12 nella ripresa e i liberi della sicurezza, e Leunen, decisivo a girare in favore della Bennet la lotta a rimbalzo (32-21 dal secondo quarto in poi). Il massimo vantaggio della Vanoli è stato il +5 (15-10) di un primo quarto in cui Cremona ha trovato 14 dei 19 punti dai lunghi (19-16 al 10’ ). Ad accendere il motore canturino, nel secondo quarto, è stato Green, creando dal palleggio (36-37 al 20’ ); lui e Rowland, gli unici in grado di produrre lampi di talento, producono i ministrappi di due quarti centrali in cui Cantù non ha preso grande vantaggio (53-55 al 30’ ) ma ha trovato l’inerzia della partita, migliorando via via la qualità delle letture difensive e, grazie a Mazzarino, anche di quelle offensive. Così lo strappo della Bennet, che coincide con quattro cattive scelte di tiro cremonesi ed è griffato da 4 punti di Green (59-64 al 35’ ) è quello decisivo, seguito dalla tripla di un chirugico Leunen (61-68 al 38’ ). Rowland e Foster resistuiscono speranze a Cremona (66-68), Mazzarino e i tre falli da spendere di Cantù nell’ultimo minuto condannano la Vanoli, ora allo scontro salvezza con Brindisi.

Cremona: Rowland 18, Milic 14, Sekulic 12, Foster 12
Cantù: Green 14, Leunen 13, Mazzarino 13

Toquean Dean al tiro da tre. Ciam/Cast
Toquean Dean al tiro da tre

Cimberio Varese-Air Avellino 83-85

Aiutata da un Thomas da 15 punti nell’ultimo quarto con 10/11 ai tiri liberi, Avellino recupera dal -6 del 36’30 (76-70) e stende una Cimberio che, nonostante l’evidente affanno fisico, ci prova fino alla fine e manca con Goss la tripla del sorpasso al 40’. Se il tecnico irpino Vitucci può sopperire al k.o. di Troutman con il buon avvio del centro polacco Szewcyzk (11 punti nel primo quarto) e con la reattività nell’area colorata dell’eccellente Thomas – capace di una “tripla doppia” con 16 rimbalzi in aggiunta ai 14 falli subiti e ai 23 punti per un eclatante 49 di valutazione – sull’altro versante Recalcati, che ha già a mezzo servizio un Goss comunque stoico (26 minuti e 5 assist) nonostante una settimana senza allenamenti, lamenta il difficile debutto a Masnago di Ryan (1/8 al tiro per il sostituto di Thomas) e i problemi di un zoppicante Rannikko. Dopo un primo tempo in cui Kangur (4/7 da 2) aveva sostenuto lo sforzo di Varese per andare nello spogliatoio all’intervallo sul +5 (35-30), è stato Lauwers con due triple in avvio di ripresa a mettere il turbo all’Air. Insieme alla guardia belga, uno dei tanti ex della partita, era la precisione di Dean (8/16 da fuori) a costruire un parziale di 13-0 che portava gli ospiti al massimo vantaggio sul +8 (35-43 al 23’50”). Goss però alzava il livello del suo gioco e con una serie di percussioni metteva in moto Fajardo (9/11 da sotto). Proprio il centro di origine spagnola regalava alla Cimberio l’illusione del +6 a poco più di 180” dalla sirena. Complice qualche disattenzione di troppo di Galanda (solo 2 punti per festeggiare il compleanno numero 36), Avellino riprendeva però in mano la partita costringendo Varese all’ottava sconfitta in nove partite. (Antonio Franzi)

Varese: Fajardo 26, Goss 20, Kangur 12
Avellino: Dean 26, Thomas 23 e Szewczyk 16

Djedovic atacca la difesa di Pesaro. LaPresse
Djedovic atacca la difesa di Pesaro

Lottomatica Roma-Scavolini Pesaro 85-53

Roma reagisce al -41 di Tel Aviv con un +32 ai danni di Pesaro che ribalta il -9 dell’andata. Gara praticamente senza storia: all’8’ è 30-12 con super Djedovic (12 punti, finirà con 23) bravo non solo a difendere su Diaz ma a finalizzare al meglio i giochi offensivi. Poi, la luce romana pian piano si affievolisce con Washington che sembra giocare dall’altra parte, tanto che Filipovski è costretto quasi per disperazione, per la seconda volta, a metterlo in panchina. Così Pesaro prende un po’ di coraggio, Hackett è sempre spavaldo, Almond rimpingua il bottino: due suoi liberi prima del riposo lungo valgono il 42-36, un meno 6 che alla Scavolini va di lusso. Fortuna per la Lottomatica, poi, che i valori ritornino quelli del primo quarto, col tecnico che sfida pure il pubblico ripartendo con Washington: stavolta non ci sono disastri, anzi Roma riprende a macinare gioco e punti: il terzo quarto si segnala per il +32 (71-39) della Lottomatica che tiene Pesaro (all’Eur senza l’infortunato Collins) a soli tre punti realizzati, grazie a un break di 22-0. Gli ultimi 10’, così, servono solo ai fini statistici (Dasic 4/4 da due e 2/2 da tre) e per far entrare tutti sul parquet.

Roma: Djedovic 23, Dasic 16, Traore 13
Pesaro: Hackett 18, Almond 10, Lydeka 8

Diener nella sua specialità, il tiro da tre. Ciam/Cast
Diener nella sua specialità, il tiro da tre

Tercas Teramo-Angelico Biella 87-83 dts

Teramo vince dopo un supplementare una battaglia durissima contro Biella. Uno strepitoso Diener e un’azione difensiva di De La Fuente a 3” dalla fine regalano la vittoria ai padroni di casa. All’inizio i padroni di casa stentano in attacco (10 palle perse) mentre i piemontesi attaccano con raziocinio e organizzazione, portando a turno tutti a canestro. Scappa Biella: già 9-18 dopo 5′. Teramo prova a ricucire con De La Fuente e chiude il primo quarto sotto 20-28. Nella seconda frazione due canestri consecutivi di Rullo danno l’idea che Teramo possa riprendersi e invece la Tercas si blocca in attacco per 5′ e Biella può scappare via 26-43.. Ramagli adotta un quintetto piccolo con Davis da centro e prova a metterla sull’aggressività: Davis e Diener suonano la carica, il Palaska diventa un’inferno e Teramo risale fino al 41-43 del riposo, con un parziale di 16-0. Si riprende nel terzo periodo nello stesso modo: Teramo è spinta dal pubblico e Biella è ancora in confusione. Nonostante le palle perse, i piemontesi però si tengono avanti con le iniziative di Viggiano (50-58). La Banca Tercas dopo la sfuriata di Zoroski fatica a trovare alternative in attacco e si blocca di nuovo, dal 25′ al 30′ segna solo 4 punti, mentre l’Angelico con una tripla di Jurak e una di Soragna chiude il terzo periodo in vantaggio 52-63. Sono ancora Davis, Zoroski e Diener a trascinare i padroni di casa: 73-71 al 38′, grazie ad un’azione da 3 punti di Boscagin. Sosa risponde immediatamente con la tripla del 73-74 e nell’azione successiva Suton fa 2/2 ai liberi, ma Diener a 9” dalla fine segna tre liberi su tre e impatta, costringendo Biella al supplementare visto che l’ ultimo tiro di Soragna da dentro l’area non entra. Nel supplementare Biella ribatte ad ogni iniziativa di Teramo, ma sull’ultimo capolavoro di Diener cede.

Teramo: Diener 23, Zoroski 18, Davis 16.
Biella: Sosa 18, Suton 16, Viggiano 14

Rivers si alza da tre punti. Ciam/Cast
Rivers si alza da tre punti

Canadian Solar Bologna-Enel Brindisi 93-72

Con un primo tempo di grande spinta e precisione offensiva (alla pausa 55% da tre e 58% globale) e una ripresa di contenimento e controllo difensivo continuando peraltro a fare canestro, Bologna accende la sua nona vittoria in campionato spegnendo le velleità di Brindisi, troppo legata alle giocate dei singoli. Dopo un primo tempo equilibrato con poca difesa su ambo i fronti, la Canadian scatta 46-35 nel secondo quarto grazie alla verve di Rivers, il nuovo Usa che produce un esordio convincente e proficuo, mentre l’Enel si aggrappa ai numeri di Roberson e Diawara, incisivi ma anche molto discontinui. Nel terzo periodo Bologna gestisce il vantaggio coi muscoli di Homan, poi allunga fortissimo nell’ultimo quarto toccando il +25 (86-61) sotto la spinta di Sanikidze e del redivivo Poeta, uscito alla distanza e vincitore del duello di cervelli con Dixon.

Bologna: Rivers 17, Homan 15, Sanikidze 14.
Brindisi: Roberson 27, Diawara 13, Lang 12

White appoggia al tabellone di sinistro. Ciam/Cast
White appoggia al tabellone di sinistro

Pepsi Caserta-Dinamo Sassari 90-94 dts

Si interrompe la striscia positiva della Pepsi Caserta dopo tre vittorie consecutive. Bottino prezioso per la Dinamo che riesce a risalire dalla zona calda della classifica, viste le sconfitte delle dirette avversarie per la salvezza. Solo un tempo supplementare è riuscito decidere una gara che ha cambiato volto dopo il fallo tecnico a Colussi al 10’ (32-23) che ha generato il parziale sassarese di 0-10 da cui è scaturito il primo vantaggio ospite: 32-33 al 13’. Di lì in poi, si procede a strappi. Prima 6-0 bianconero (57-52), poi 6-0 Dinamo (57-58). Quello più importante è a cavallo tra terzo e quarto periodo: Sassari mette a segno uno 0-11 (61-70) trascinata da Cittadini (praticamente perfetto al tiro dal campo) e dalla difesa che manda in crisi l’attacco casertano, la cui unica luce è Williams a centro area, insostenibile per Hunter. Nell’ultimo quarto torna a segnare Bowers, che infila dieci punti che riportano avanti la Pepsi (78-77), prima dei due possibili tentativi di vittoria sassaresi sprecati da Diener e Sacchetti in chiusura di gara. Nel supplementare la Dinamo resta lucida, la Pepsi invece perde Williams per falli. La palla del possibile pareggio è di Bowers, che però sbaglia dalla lunga distanza a 5’’ dal termine. Al resto ci pensa Plisnic dalla lunetta, che col 3/4 finale mette fine alla gara. Nel dopogara Sacripanti attacca gli arbitri:”Sembra diventata un’abitudine quella degli arbitri di mandare a quel paese gli allenatori. Pretendo rispetto per me e per i miei giocatori che hanno lavorato duro per tutto il match”. Più soddisfatto Sacchetti: ”Siamo in crescita, vittoria fondamentale per il prosieguo della stagione”. (Giuseppe Bernardo)

Caserta: Jones 22, Bowers 21, Williams 19
Sassari: White 16, Cittadini 15, Diener 14

tratto da Gazzetta.it

Leave a comment »

Milano cade a Montegranaro E Siena la raggiunge in testa

Settima giornata: l’Armani, battuta nelle Marche e al primo k.o in campionato, viene affiancata al primo posto dalla Montepaschi, che spazza via Teramo. Altro k.o. per Roma. Successi anche per Varese, Biella e Sassari

Ron Slay, festeggia il successo di Varese su Bologna. Ciam/Cast
Ron Slay, festeggia il successo di Varese su Bologna

La settima di serie A vede la prima caduta stagionale di Milano a Montegranaro. L’Armani viene agganciata in testa alla classifica da Siena, che spazza via Teramo. La giornata in dettaglio:

Cimberio Varese-Canadian Bologna 91-81

L’aspettava da un anno e voleva essere protagonista: un Righetti da 16 punti nel secondo tempo risponde alla Virtus, che per tutta la scorsa stagione lo aveva messo fuori rosa, con una grande prestazione (5/8 da 3 e 20 di valutazione) aiutando coach Recalcati a issare la sua Cimberio solitaria sul terzo gradino della classifica. Nonostante le assenze di Sanikidze e di Winston, la Canadian non cede mai, rendendo una classica del basket tricolore equilibrata e interessante fino al 40’. Dopo aver costruito un buon margine nella prima frazione (42-31 al 16’) grazie alla precisione di Rannikko (3/3 da 3 e 23 di valutazione) ma anche degli altri ex-virtussini Kangur (due canestri da 3 in avvio) e Fajardo (13 punti finali), Varese ha sofferto il grande inizio di ripresa della formazione di Lardo: un 14-2 firmato da un Kemp in spolvero (9/15 da fuori) e da un Amoroso eccellente, sia da sotto (6/7), sia da fuori (4/7). Il primo vantaggio esterno (50/52 al 24’), ha però stimolato la reazione di Fajardo, autore di una gran stoppata proprio su Kemp, e di Righetti, che ha infilato una sequenza di conclusioni dalla lunga distanza per riportare la Cimberio sul +6 (64-58 al 29’). Mentre Thomas rimediava una serata nulla al tiro (0/7) con 6 assist, Slay prendeva il sopravvento dentro l’area colorata (13 rimbalzi). Non bastava, però, per mettere sotto una Canadian che trovava anche da Koponen l’energia per mettere ancora pressione su una Cimberio supportata da un buon Goss fin quando proprio Righetti ha realizzato dalla lunetta i due tiri liberi del k.o.

Cimberio Varese: Righetti 21, Slay 19, Goss 14
Canadian Solar Bologna: Amoroso 26, Kemp 25, Koponen 13

Daniele Cavaliero, uomo-partita per Montegranaro. Ciam/Cast
Daniele Cavaliero, uomo-partita per Montegranaro

Fabi Montegranaro-Armani Jeans Milano 89-85

E’ la Fabi Montegranaro ad infliggere la prima sconfitta del campionato all’Armani Jeans. I primi della classe pagano gli errori del secondo periodo, subendo oltre modo i continui raddoppi difensivi imposti da coach Pillastrini specie sotto le plance per contenere Mancinelli. I gialloblù da parte loro giocano la miglior partita dell’anno, che permette loro di ottenere il secondo “scalpo” eccellente della stagione dopo quello di Bologna. In un primo quarto giocato a ritmi bassi, ad iniziare con il piglio giusto è Montegranaro, abile a sfruttare l’asse Ford-Cinciarini (8-3 dopo sette minuti di gioco). L’Armani risponde con l’energia di Hawkins che prima costringe al fallo Jones, poi realizza la tripla del -2 al 4′ (10-8). Dall’arco Cavaliero prima ed Ivanov poi tentano un nuovo allungo, ma Milano resta incollata con Hawkins (9 punti nel primo quarrto). E’ nel secondo periodo che Milano gioca i suoi peggiori dieci minuti, come dimostrano i soli tredici punti segnati e le pessime percentuali di tiro (2/6 da due, 1/6 da tre e 6/12 ai liberi). Praticamente l’opposto di Montegranaro. Ford intimidisce dentro l’area pitturata (3 stoppate) ed un ottimo Ray (problemi alla caviglia dimenticati e prestazione di sostanza) le da lo slancio per chiudere avanti di nove lunghezza. Nella ripresa arriva anche il +14 sulla tripla di Antonutti realizzata al 25′. Schierato sia da 3 che da 4, l’ex Udine risulta fondamentale anche per limitare David Hawkins, fino a quel momento devastante. Nel quarto periodo Milano ritrova fluidità in attacco con Jaaber e, dopo esser andata sotto di quindici (tripla di Cavaliero), approfitta del quinto fallo di Ford per ricucire (79-72 a 3′ dalla fine). Le triple di Jaaber e Mordente riducono il gap fino a -4, ma poi sono i liberi di Ivanov e Cinciarini a mettere in ghiaccio il risultato e condannare definitivamente Milano per una vittoria che vale il quarto posto in classifica.

Montegranaro: Ford 17, Cavaliero 16, Cinciarini 15.
Milano: Jaaber 19, Hawkins 17, Mordente 15.

Lottomatica Roma-Vanoli Cremona 70-84

Al PalaLottomatica, Foster e Rowland sembrano i cloni del Charlie Smith dei tempi migliori. Ma la vera differenza, tra la Virtus di Boniciolli e la Vanoli di Mahoric, è semplice e lampante. Cremona è una squadra: costruisce, ragiona, esegue. Roma, invece, solo individualismo allo stato puro, che non basta a colmare le lacune di un gioco che, semplicemente, ancora non c’è. Il risultato, del resto, parla da solo: 70-84, fischi dalle tribune, nuova crisi all’orizzonte per il basket della capitale. E nonostante un Alì Traorè da otto in pagella (20 punti e sette rimbalzi), l’epilogo, sul parquet dell’Eur, è il verdetto più giusto che condanna la Lottomatica all’ottava sconfitta stagionale (tra campionato ed Eurolega) e premia la continuità, la solidità e l’organizzazione di una Vanoli capace di gestire una gara tutta in crescendo per gli uomini di Mahoric. Merito della micidiale precisione al tiro di Foster e Rowland (37 punti in due), autori dell’allungo decisivo nel terzo quarto, capitalizzato nell’ultima frazione fino al +15 del massimo vantaggio (64-79) a tre minuti dalla sirena. Giusto il tempo di unirsi alla festa per Drozdov e Formenti ed accendere la luce di Cremona nella notte fonda calata di nuovo sul cielo della Lottomatica.

Roma: Traorè 20, Djedovic 15, Datome 12, Washington 11.
Cremona: Foster 19, Rowland 18, Drozdov 13.

Rakovic (Siena) in difesa su Zoroski. LaPresse
Rakovic (Siena) in difesa su Zoroski

Tercas Teramo-Montepaschi Siena 57-93

La Montepaschi Siena schiaccia la Banca Tercas Teramo con tutta la sua potenza di campione in carica e non ha nessuna pietà di una squadra in chiara crisi d’identità e di gioco. Siena stenta solo 2’ a prendere le misure ad una Banca Tercas visibilmente in difficoltà, 2-9 dopo 3’30. Teramo ha idee confuse in attacco davanti alla difesa fisica di Siena e in difesa è troppo molle nell’individuale, riuscendo a limitare un po’ i danni solo con la zona. Il primo quarto si chiude sul 13-22; nel secondo periodo la Tercas di Ramagli insiste con la zona, ma i problemi più grandi sono in attacco, dove Zoroski non riesce mai ad organizzare la manovra, e tantomeno ci riesce Rullo. Scappa subito Siena con Lavrinovic, 18-33 al 15’, ma Teramo prova a restare vicino con il cuore di Boscagin e Diener. Siena però è uno schiacciasassi, e al riposo vola fino al massimo vantaggio sul 27-43. All’inizio del terzo quarto la Montepaschi imprime un’accelerazione devastante, 25-0 in 6’30 con Teramo completamente in bambola, incapace di trovare non solo il canestro, ma spesso anche il tiro. Alla fine del 3° periodo il 35-77 dice tutto. L’ultimo periodo è solo accademia.

Teramo: Davis 16, Zoroski 13, Diener 11.
Siena: Aradori 18, Lavrinovic 14, Mc Calebb 13

James White, uomo partita per Sassari. LaPresse
James White, uomo partita per Sassari

Dinamo Sassari-Enel Brindisi 94-89 d.t.s

Vittoria all’overtime per la Dinamo, 94-89, nello scontro fra neopromosse contro Brindisi. Gli ospiti litigano con il canestro, il rientrante Diener, non al top, chiude il primo parziale da 6-0. Sassari c’è a rimbalzo, in difesa e in attacco, l’Enel soffre andando sotto sino al -9 (14-5). Hubalek è gigantesco in area colorata, Dixon prova a prendere per mano i suoi e li guida sino al 25-23 di fine primo quarto. I biancoblu aumentano il ritmo e con la zona imbrigliano la manovra pugliese. Tsaldaris si conferma regolarista del passo e porta avanti i suoi sul 33-25 che costringe Perdichizzi al time out. Grande impatto di Cittadini, a segno da due, da tre e in lunetta. La chiave restano i rimbalzi (22-13 per Sassari a metà gara), anche se l’Enel non molla la presa e con Infante e la schiacciata di Diawara torna nello spogliatoio sul -5 (42-37). Maresca, particolarmente efficace, firma il 44 pari, ma White allunga di nuovo. Il 4° fallo manda Tourè in panca, due triple consecutive di Devecchi chiudono il periodo sul 67-58. Parziale da 7-0 Enel, 4 di Pinton, Diener di nuovo in mischia e 0/2 di Cittadini. Il jolly da tre è di Tsaldaris, 72-65, ma il canestro più libero di Roberson a -48” riapre i giochi. Dixon a -20” impatta (80-80). Lo 0/2 di Diener regala a Dixon il possesso vittoria, ma il pallone esce di un soffio ed è overtime. È guerra di nervi, White diventa un fattore, l’Enel lotta ma alla fine cade 94-89.

Sassari: White 33 ,Tsaldaris 19,Hunter 17
Brindisi: Dixon18 , Roberson 17, Diawara 17

Matteo Soragna (Biella). Ciam/Cast
Matteo Soragna (Biella)

Angelico Biella-Air Avellino 86-85 dts

Una partita che alla vigilia doveva offrire spettacolo assecondando le caratteristiche simili di due squadre abituate a correre e segnare molto, alla fine ha offerto spettacolo solo nel supplementare, dove l’adrenalina ha spazzato via quaranta minuti di gioco non bello, condito da errori e tanta tattica che ha finito per imbrigliare sia l’Angelico sia l’Air. Gara bruttina e in equilibrio quasi sempre, con l’Angelico che ha dovuto recuperare da un -7 al 30′ (67-74). A 15″ dalla fine Soragna ha nelle mani il libero del +3, ma sbaglia e dal rimbalzo Szewczyk viene servito sotto canestro per il pari a quota 70. Nel supplementare l’Angelico vola via sull’onda delle triple di Soragna che vuole farsi perdonare, ma questa volta è Avellino a tornare dal -7 (79-72) proprio con le triple del lungo Szewczyk, che riporta l’Air in vantaggio 81-82 al 43’30”. Dall’altra parte Slaughter non sbaglia dalla lunetta, mentre ancora Szewczyk manca un libero riportando la gara in equilibrio a quota 83. A decidere è una ancora una tripla di Soragna dopo un’azione corale biellese, alla quale in 15″ l’Air (che ha perso 26 palloni contro i 15 dell’Angelico) riesce a replicare solo con un tiro del bravo Cortese.

Biella: Soragna 16, Salyers 14, Slaughter, Suton, Jurak 13.
Avellino: Szewczyk 19, Thomas 17, Johnson 13.

tratto da Gazzetta.it

Comments (1) »

Cantù stoppa Avellino Treviso pendolino su Teramo

Negli anticipi della sesta, Avellino perde l’imbattibilità casalinga contro una super Cantù. Tutto facile per Treviso. Colpo di Caserta a Brindisi dove scoppiano incidenti tra le tifoserie

Tre gli anticipi del sabato sera, che hanno aperto la sesta giornata di serie A. Cantù sbanca Avellino: vittoria numero 1000 in A per la Bennet, che ferma la corsa di Avellino reduce da due vittorie e al primo stop della stagione. Passeggia Treviso sul fanalino Teramo, mentre Caserta espugna Brindisi. Domani si completa il turno, in programma Bologna-Montegranaro, Cremona-Varese, Milano-Roma, Pesaro-Sassari e Siena-Biella.

Il duello tra Tabu (Cantù) e Green (Avellino). Ciamillo
Il duello tra Tabu (Cantù) e Green (Avellino)

Air Avellino – Bennet Cantù 71-75

Ad Avellino si conferma la tradizione positiva di Cantù. Sui legni del Pala Del Mauro i brianzoli non cadono dal 3 febbraio 2008 e centrano la vittoria numero 1000 in A. L’Air non capitalizza il successo ottenuto a Porto San Giorgio e cade sotto i colpi di una Bennet concreta. Pronti via, ed è subito sfida nelle sfida tra il Green irpino ed il ‘cardinale’ Mazzarino. Duello sul filo del pick and roll, duello a colpi di triple, in un primo periodo frenetico e spettacolare, in cui Cantù tira con il 75% dal campo ed ottiene dalla guardia italo-uruguaiana 13 punti (20 alla fine) con percorso netto al tiro (20-25 al 10’). Seppure l’inerzia non cenni a passare nelle mani dell’Air, il secondo periodo ha poco o nulla in comune con il frizzante primo. Squadre più pazienti e difese pressanti, contribuiscono ad un sensibile calo del ritmo. Non cala invece il gap dei padroni di casa, complice la grande vena di Micov. Non appena le percentuali di Cantù scendono, Dean impatta al 19’ (39-39) con una tripla da distanza siderale. Alla ripresa, la Bennet fa valere nuovamente il suo gioco ricco di soluzioni e ad Avellino occorrono due triple di Troutman per aprire la scatola lombarda (54 -54 al 30’). Nella frazione finale, si decide tutto all’ultimo minuto. A 32 secondi dalla fine è +4 Cantù: Spinelli commette un’ingenua infrazione di passi che mette la parola fine al match (71-75).

Avellino: Troutman 17, Dean 13, Thomas 12.
Cantù: Mazzarino 20, Micov 14, Green 13.

Ryan Toolson (Benetton Treviso) scarica a canestro. Ciamillo
Ryan Toolson (Benetton Treviso) scarica a canestro

Benetton Treviso – Tercas Teramo 90-71

Dopo quattro sconfitte di fila in campionato, la Benetton ritrova vittoria e fiducia, superando 90-71 la Banca Tercas. La differenza arriva nell’ultimo quarto, dopo una gara equilibrata: Treviso alza l’intensità in difesa e Teramo, a corto di uomini e di energie, è costretta ad arrendersi. Nonostante i tagli recenti (Shaw e Hall) e le difficoltà di classifica, non entra in campo una Banca Tercas dimessa e arrendevole. Anzi, probabilmente Treviso si fa sorprendere dalla verve degli abruzzesi. Zoroski segna e fa segnare, ma la difesa di Capobianco è deboluccia. Non c’è nessuno che riesca a contenere Motiejunas: 10 punti per il lituano nel primo quarto, che termina 25-24. Non cambia molto nel secondo quarto: ritmi blandi, difese poco atletiche. Le due squadre restano incollate: ai canestri di Smith e Nicevic risponde la grinta rabbiosa di Polonara e Boscagin. E così il primo tempo si chiude 46-45. Si riprende e Treviso ancora non riesce a scappare: i veneti, sospinti da Markovic, alzano intensità e ritmo, ma sbagliano tantissimo. Teramo, nonostante abbia gli uomini contati, resiste ancora: 61-55 al 30’. Ma il crollo è imminente, sebbene con tenacia Polonara provi a scuotere i suoi: Capobianco non ha uomini che contengano Smith e Peric, che allargano il divario grazie a difesa, contropiede e giocate spettacolari.

Treviso: Smith 24, Motiejunas 23, Markovic e Nicevic 10.
Teramo: Boscagin 17, Zoroski 14, Polonara 13.

Tourè (Brindisi) si appende al canestro di Caserta. Evangelista
Tourè (Brindisi) si appende al canestro di Caserta

Enel Brindisi – Pepsi Caserta 64-76

Risorge Caserta con una prova tutto cuore, griffata Koszarek (18 punti, 5/5 dal campo, 4 recuperi, 30 valutazione) e Jones, gli uomini che la rialzano dall’inferno in cui era caduta nel terzo periodo, vittima delle solite amnesie. Ma il primo successo stagionale è meritato, perché Caserta ha condotto punteggio e ritmo per oltre 35’, prima grazie alla verve di Di Bella, autore di 7 punti in un inizio di gara equilibrato (18-17), poi con i due stranieri. La sinfonia bianconera è lanciata da Jones (24-17) e rimpolpata dalla panchina. Quando inizia la girandola delle rotazioni, la Pepsi vola. La miccia è Garri, fondamentale a rimbalzo, dove Caserta domina (26-14 all’intervallo), mentre il detonatore è Colussi che con 7 punti firma il +11 (36-25 a 1’30”). Brindisi è poca cosa: paga l’assenza di Dixon, seduto a causa dei falli, la serataccia di Roberson (0/9 dal campo, -16 di valutazione) e un Diawara abulico nei primi 20’. Ma al rientro accade quello che non ti aspetti: la Pepsi soffre di vertigini dopo aver toccato il +11 e l’Enel la castiga. Un parziale di 18-0 tra il 3’ e il 5’ proietta i biancazzurri sul 45-38, con Diawara in un raro momento di formato Nba (10 punti in 90”). È una fiammata che si esaurisce presto, perché Koszarek si riprende il match in mano: 7 punti in un parziale di 10-2 che vale il controsorpasso (48-47). La gragnola di triple nella prima metà dell’ultimo quarto non sposta gli equilibri (60-60 al 36’). Poi Brindisi, squadra corta che ottiene solo 3 punti dalla panchina, esaurisce le sue energie mentre Koszarek e Jones segnano ancora dall’arco, e Di Bella chiude il break di 11-4 che manda al tappeto Brindisi a 1’ dalla sirena (71-64) mentre sugli spalti le due tifoserie vengono a contatto, provocando attimi di tensione e l’intervento delle forze dell’ordine.

Brindisi: Dixon 19, Diawara 17, Touré 15.
Caserta: Koszarek 18, Jones 17, Colussi 11.

tratto da Gazzetta.it

Leave a comment »

Milano batte Sassari

DINAMO SASSARI – ARMANI JEANS MILANO 54-69

Dinamo Sassari – White 15, Hunter 15, Devecchi 3, Cittadini, Diener 8, Sacchetti B. 2, Tsaldaris 7, Vanuzzo, Pinton 2, Hubalek 2. All. Sacchetti

Armani Jeans Milano – Mancinelli 9, Maciulis 6, Mordente 6, Finley 20, Jaaber 9, Rocca 12, Melli 4, Petravicius n.e., Ganeto n.e., Nardi, Hawkins 3. All. Bucchi

Vince Milano per 69-54 una delle gare più attese dell’anno dai tifosi della Dinamo. Indubbie e ben visibili differenze di valore tecnico, come peraltro già si sapeva e, dopo un primo quarto sostanzialmente equilibrato, l’Armani piazzava la zampata che le consentiva poi di “vivacchiare” e controllare durante il resto del match.

continua qui

Leave a comment »