Posts tagged EuroBasket 2013

Eurobasket 2013, Cusin pronto per la causa azzurra

cusin marco nazionale 2013.

Non è nata sotto la stella più fortunata l’avventura della Nazionale in vista degli Europei di Basket che si disputeranno dal 4 settembre in Slovenia. Dopo l’infortunio a Gallinari e Hackett, è recente la rinuncia di Bargnani causa polmonite, nonché una distorsione per Datome, che però ci sarà per l’esordio. Certamente gli azzurri, rispetto  a qualche mese fa, devono ridimensionare le proprie aspettative, senza però continuare a lavorare duro per tentare l’impresa. Ora la truppa di coach Pianigiani è in Grecia per le ultime amichevoli prima di tornare a Trieste ed infine sbarcare a Capodistria. È tempo di parlare col “nostro” Marco Cusin, che nelle partite pre-europeo sta contribuendo alla causa con 6.8 punti (70.5% da duee  77% liberi) e 4.6 rimbalzi in 15 minuti di media giocati.

Marco, diciamo che questa spedizione non è delle più fortunate. La sfortuna ci ha penalizzato e non poco colpendoci con numerosi infortuni e perdite illustri. L’ultima, di Andrea, non ci voleva, lui è insostituibile per la fisicità e le qualità tecniche.

Cosa cambia per voi l’assenza di Bargnani? Mancando un elemento fondamentale come lui dovremo tutti dare qualcosa in più, molti saranno chiamati a fare degli straordinari, dovremo sopperire le mancanze con il gioco di squadra, come abbiamo fatto l’anno scorso.

Com’è l’umore a pochi giorni dall’inizio? (esordio il 4 vs Russia) L’umore è comunque alto, non vediamo l’ora di iniziare, siamo molto carichi. Con lo staff in questi mesi abbiamo lavorato duro e molto bene e i risultati si sono visti soprattutto nelle ultime partite nonostante qualche sconfitta di troppo. Non ci piangiamo addosso nonostante le difficoltà ma anzi daremo più del 100% in campo.

Tu come stai? Facendo gli scongiuri fisicamente sto bene, le prime settimane sono state di lavoro intenso ed ero stanco ma ora la preparazione viene fuori, inoltre ho ripreso la fiducia nel gioco che avevo perso nell’ultimo periodo a Cantù.

Quale sarà la chiave per avere successo in Slovenia? Vista la poca fisicità sotto canestro dovremo correre molto e mettere molta pressione in difesa e limitare il numero delle palle perse. Dovremo essere umili e lottare in ogni partita per passare i girone, come ci ha detto coach Pianigiani. Non dobbiamo farci illusioni ma comunque dobbiamo essere consapevoli delle nostre qualità.

 

Alessandro Mecchia

tratto da “Il Popolo” del 01/09/2013

Leave a comment »

13° Puntata de L’Angolo di ALE&PASQUI

Immagine

In questa 13^ puntata speciale MERCATO e NAZIONALE!

Parleremo degli ultimi colpi di Mercato della Serie A e sui Rumors analizzandone i più importanti.

Poi, riflessioni e impressioni sulla Nazionale, il raduno di Folgaria e la rinuncia di Daniel Hackett per un problema al tendine d’achille.

Clicca qui per la puntata su Youtube

Clicca qui per il download

Leave a comment »

Marco Cusin alle Qualificazioni di Eurobasket 2013

Già sicura del pass per Euro 2013, la Nazionale di Pianigiani chiude senza sconfitte il girone vincendo 83-58 a Trieste l’ultima partita contro la Bielorussia. Il percorso netto nelle gare del Girone F regalerà all’Italia un ranking sulla carta favorevole in vista delle fasce dei sorteggi per i 4 gironi eliminatori da 6 squadre del prossimo europeo (a punteggio pieno anche Croazia, Montenegro e Germania). Il nostro Marco Cusin ha contribuito alla causa azzurra con 5.3 punti, 6.1 rimbalzi e 1.6 stoppate in 17.7 minuti di utilizzo come centro titolare. Una qualificazione che ha lavato via dalla Nazionale le brutte prestazioni degli anni passati, un gruppo unito e solido che ha saputo lottare insieme. Nonostante i due illustri assenti Bargnani e Belinelli, la formazione di coach Pianigiani, grazie al suo carisma e all’aiuto di tutto lo staff tecnico è migliorata esponenzialmente concludendo in bellezza a Trieste il proprio cammino immacolato. Proprio in quel palazzetto che ha visto l’esordio tra i professionisti di Cusin.

Com’è stato tornare al Palatrieste? Molto emozionante, a Trieste ho solo bei ricordi dei miei primi passi da pro. Ho incontrato tanti amici, ex compagni di squadra, allenatori e dirigenti che mi hanno insegnato molto.

Chiudere imbattuti è un risultato prestigioso, forse inaspettato. Inaspettato no. Man mano che passavano i giorni e ci allenavamo insieme ci siamo resi conto della nostra forza, tesi supportata dalle prime partite. Abbiamo costruito un ottimo gruppo, solido e unito e il merito è degli ottimi anni di lavoro con coach Pianigiani e il suo staff. Non è stato facile ma la nostra forza è stata pensare partita per partita senza distrarci e rilassarci dopo le vittorie.

Grazie a questo torneo avete costruito una mentalità vincente che forse negli anni passati si era persa? Sicuramente il fatto di scendere in campo sempre per vincere ha contribuito a renderci vincenti. Abbiamo fatto della difesa e del gioco di squadra i nostri marchi di fabbrica. Siamo stati bravi perché non avevamo un girone facile e tutti gli avversari erano pericolosi, le due partita contro la Turchia forse sono le più belle per il carattere e la forza dimostrate nel recuperare lo svantaggio.

Il futuro per Eurobasket 2013 è promettente. È presto per parlare ma sicuramente ora siamo più consapevoli e sicuri di noi stessi e gli avversari ci temeranno di più visto il primo posto nella qualificazione. L’importante è che non consideriamo questo successo come punto di arrivo ma come punto di partenza.

Neanche il tempo di riposare e si inizia la nuova avventura a Cantù. Sì, ora mi aggrego alla squadra che si sta già allenando. Mi sembra una squadra costruita molto bene da un’ottima società. Sono molto carico e non vedo l’ora di iniziare soprattutto la Supercoppa Italiana (22 settembre a Rimini vs Siena) e le qualificazioni all’Eurolega (tra il 25 e il 28 settembre, primo turno contro il Sofia).

tratto da “Il Popolo” del 18 settembre 2012

Leave a comment »

L’Italia ritira la candidatura al Campionato Europeo 2013

E’ con vivo rammarico che la Federazione Italiana Pallacanestro comunica che il Comitato Promotore Eurobasket 2013 si è sciolto e la domanda di candidatura italiana, presso FIBA Europe, è stata ritirata.

La rinuncia nasce dall’impossibilità, al di là degli sforzi concreti del Comitato e dei suoi interlocutori, di rispondere in maniera ottimale ai requisiti di candidatura, per quanto riguarda strutture e sponsorizzazioni, vista l’imminente scadenza dei tempi (dicembre 2010) per il perfezionamento della stessa presso FIBA Europe.

La FIP ringrazia il Governo, il CONI, le amministrazioni locali contattate, in particolare quella del Comune di Roma, e ne testimonia l’effettiva disponibilità sia nei propri confronti, sia nei confronti del Comitato Promotore Eurobasket 2013 ai cui componenti rivolge l’apprezzamento per il lavoro svolto e in particolare al suo presidente Ubaldo Livolsi.

Leave a comment »

L’ammissione di Dino Meneghin: «Stiamo per rinunciare ad ospitare Euro 2013»

Dino Meneghin

Dino Meneghin scuote la testa, lo sguardo è di chi ormai non crede più a quel sogno che sembrava ad un passo dal diventare realtà. Invece, come da noi anticipato ieri, la Federazione Italiana Pallacanestro è vicinissima ad alzare bandiera bianca e a ritirare la candidatura per ospitare gli Europei del 2013. Il presidente, che aveva fortemente voluto e sostenuto il progetto, Meneghin ammette: «Euro2013, stiamo per rinunciare» per arrendersi ad una situazione che va al di là del bene e del male e che fotografa perfettamente la situazione attuale del nostro Paese. Il basket e il nostro sport in generale ci avevano creduto; avevano avuto delle assicurazioni importanti dal Governo per reperire quello sponsor (per forza di cose istituzionale) da 6 milioni di euro richiesto dalla Fiba, la federazione internazionale che nel board dei primi di dicembre assegnerà l’organizzazione dei Campionati. C’era stata anche la conferma che il nuovo Palazzo dello Sport di Roma, a Tor Vergata, sarebbe stato presto disponibile.

DISILLUSIONE – Ma negli ultimi giorni, pur sapendo che l’unica avversaria ancora in corsa per ospitare gli Europei è la piccola (ma agguerrita) Slovenia, Meneghin ha visto cambiare improvvisamente gli scenari. La situazione politica attuale non consentirebbe più di avere dal Governo garanzie sufficienti per il futuro. E per quanto riguarda il Palasport romano (la Fiba richiede un impianto da 15 mila posti per semifinali e finali) si è sentito dire: ” ‘Sarà pronto tra giugno e luglio del 2013. Forse».

INCERTEZZA – «C’è un clima di forte incertezza -analizza Dino Meneghin, uno non certo abituato ad arrendersi alla prima difficoltà – A questo punto stiamo ripensando a tutto il progetto, a 360°. I dubbi (se valga la pena o meno continuare a portare avanti la candidatura; ndi) sono grandi. In settimana prenderemo una decisione se e quando formalizzare la nostra rinuncia. Il Palasport di Roma? Lo stiamo aspettando da ilio tempore. E senza impianti adeguati il futuro del basket sarà difficile. Il Governo dovrebbe essere attento a certe esigenze. La Slovenia e tanti altri Paesi hanno già Palazzi da 15.000 posti. E noi continuiamo ad aspettare con il cuore in gola…

tratto da Pianeta Basket

Leave a comment »